Home » I migliori posti da visitare nel nord della sardegna

I migliori posti da visitare nel nord della sardegna

sardegna

La Sardegna non ha bisogno di presentazioni dal momento che tutti la conoscono per via delle tante località balneari che divengono mete richieste dal mercato dei vacanzieri desiderosi di vivere il mare a 360°.
Chi ha riservato il suo soggiorno presso uno dei villaggi in Sardegna nord e vuole alternare al mare delle escursioni per conoscere interessanti posti da visitare nel nord dell’isola, può orientarsi sui suggerimenti che seguono.

L’antica Turris Libisonis, ossia l’odierna Porto Torres, oltre ad essere un importante porto commerciale è una cittadina che merita di essere visitata. Da non perdere i resti archeologici delle antiche terme di epoca romana, le due grandi basiliche nel centro storico e le belle spiagge che rendono preziosa questa meta.
Da Porto Torres ci si può imbarcare su un traghetto che raggiunge la vicina isola dell’Asinara. Si tratta di un luogo ancora selvaggio che offre l’opportunità di praticare del trekking o, per gli appassionati sub, fare del diving per ammirare gli splendidi fondali. Notevoli anche le spiagge di Cala Sabina, Cala Sant’Andrea e Cala d’Oliva.

Vicino a Porto Torres si trova Stintino che regala due spiagge da sogno: la Pelosa e la Pelosetta. La prima è una tra le più scenografiche spiagge di tutta l’isola e, diverse volte, dichiarata come la seconda spiaggia più bella in Italia e la prima in Sardegna. Il merito va alle tranquille cristalline acque di color turchese che lambiscono il litorale dov’è presente la tipica macchia mediterranea, e che sono riparate dall’aperto mare grazie ad una barriera formata dall’isola Piana, di quella dell’Asinara e dai faraglioni di Capo Falcone.

Castelsardo è un’altra imperdibile località da visitare nel nord della Sardegna. Il borgo medioevale che si innalza su di un roccioso promontorio prospicente al mare, è rimasto inalterato nei secoli e regala molti punti panoramici che è possibile trovare passeggiando tra gli stretti vicoli del borgo e dal Castello, da dove si può godere di una vista davvero mozzafiato.

Alghero è un’altra destinazione da non mancare. Quello che era l’antico borgo di origine catalana affacciato sul mare, testimonia la sua storia e le sue rarefatte atmosfere tali da fare un salto all’indietro nel tempo soprattutto quando si percorrono i suoi caratteristici vicoli dove si aprono palazzi d’epoca e botteghe artigiane.
Visitare Alghero implica inserire le Grotte di Nettuno all’interno degli immancabili appuntamenti da annotare. Sono le più belle grotte di tutta la Sardegna e hanno oltre due milioni di anni, come da tracce rinvenute al loro interno.

Proseguendo idealmente un itinerario turistico nel nord della Sardegna, a metà strada tra Castelsardo e Costa Paradiso, si trova Isola Rossa. Si tratta di un promontorio composto da rocce di colore rosso dove si eleva una cinquecentesca torre di guardia di origine spagnola. Bella anche la spiaggia Lunga, che è quella più importante di tutte quelle che si trovano in questa località. Tra Isola Rossa ed il promontorio vicino di Punta Li Caneddi, imperdibile risulta essere la bellissima spiaggia della Marinedda che da sola, merita il viaggio.

Famosa è Santa Teresa di Gallura che coniuga scenografiche spiagge a testimonianze storiche e culturali. Tra i punti di maggior interesse vacanziero ci sono le spiagge di Rena bianca, Conca verde, Monti Russu e Rena maiore.
A Santa Teresa di Gallura merita una visita il centro storico e la torre di Longonsardo, così come anche la suggestiva Valle della Luna.

Non si può perdere una visita a La Maddalena, raggiungibile via traghetto dal porto di Palau. Una volta giunti sulla piccola isola, si può scegliere come godere il mare in questo lembo di terra dove la natura è ancora incontaminata.

Oltre alla celebre Costa Smeralda di cui Porto Cervo è l’ideale capitale, non si può non visitare il centro storico di Olbia e i vicini Nuraghi, l’Acquedotto romano, il Castello di Pedres, la Tomba dei Giganti e le tante spiagge come quelle di Bados, Marinella e Pittulongu.

Name of author

Name: Marco