Home » Centro Sportivo Vismara e il MilanLab: dove nascono i campioni milanisti

Centro Sportivo Vismara e il MilanLab: dove nascono i campioni milanisti

Centro Sportivo Vismara

Per poter competere al giorno d’oggi nel calcio professionistico, soprattutto in quello di altissimo livello, sono ormai molte le squadre italiane e estere che si affidano con regolarità al proprio vivaio interno. Con tale termine si identificano giocatori che inseriti negli organigrammi societari in tenera età, crescono in strutture appositamente allestite, strutture che li portano a svilupparsi prima come uomini e poi anche come calciatori.

Molte sono infatti le problematiche che si devono affrontare con i cosiddetti calciatori in erba, alcune sono di carattere prettamente sportivo, altre le più importanti di carattere psicologico e scolastico. A sentire le stime infatti sono molti i genitori che anche in presenza di un talento innato del proprio figlio, non vedono di buon occhio il trasferimento in città diverse dalla propria, impauriti soprattutto da tutto quello che questo trasferimento porta con sé.

Una delle società che sotto questo punto di vista si è attivata da molto tempo è quella del Milan Calcio, essa grazie a due suoi centri di eccellenza, il Centro Sportivo Vismara e il MilanLab, riesce ad ottenere un ottimo riscontro dal settore giovanile rossonero, settore che di fatto contribuisce a tenere alto il blasone di una delle squadre più vincenti di sempre nel calcio italiano.

Il centro sportivo Vismara

In una zona molto tranquilla di Milano, immerso in un grande parco verde, sorge il centro sportivo polifunzionale Vismara. Voluto come sede della squadra primavera del Milan, il centro si pone come punto di arrivo dei tanti ragazzi non solo italiani, segnalati durante l’attività di scouting dagli osservatori rossoneri. All’interno del centro i futuri talenti del calcio meneghino, trovano un ambiente che cerca di non far sentire loro la lontananza dagli affetti familiari.

Il centro sportivo Vismara di fatto si pone come una loro seconda casa, con attività che esulano dal panorama prettamente sportivo, e che hanno come base la ricerca di quell’equilibrio interiore, che solo bene può fare alla crescita calcistica dell’adolescente. In tale contesto i giovani calciatori sono alloggiati all’interno di un convitto, frequentano un’ottima scuola che li forma sotto il punto di vista della preparazione scolastica, vengono seguiti in ogni momento da un Tutor che si fa carico anche dei loro problemi personali, e si allenano all’interno dei campi del centro, tutto sempre sotto la supervisione di personale altamente qualificato.

Tutto il percorso di crescita è attentamente studiato, in ossequio al principio che qualsiasi persona deve prima raggiungere il proprio benessere fisico e mentale, e solamente dopo dedicarsi all’attività sportiva.

Il centro però è anche un polo sportivo di eccellenza, al suo interno le strutture sportive abbondano, campi di calcio e calcetto, piscine e palestre tutti immerse nel verde, le strutture sono perfettamente curate, e grazie ad esse i giovani calciatori possono crescere nel mondo del pallone ed affinare la propria tecnica calcistica. L’esperienza dei gestori del centro ha permesso negli anni di affinare l’inserimento dei ragazzi, e il percorso di crescita ormai ben rodato permette di far crescere quel vivaio che sarà la base del Milan del futuro, e che già nel passato ha sfornato campioni di altissimo livello, quali Donnarumma, Calabria e Locatelli, giusto per citare qualcuno dei più famosi dell’ultimo periodo.

 

Centro Sportivo Vismara e MilanLab

Il Milan Lab

All’interno del Centro sportivo Vismara ha sede una struttura che nel passato ha contribuito ad alimentare il mito dell’imbattibilità della squadra più vincente della storia. Esso semplicemente chiamato Milan Lab, è nato nel 2002 da un’intuizione dell’allora dirigenza berlusconiana ed è entrato a pieno regime quando sulla panchina milanista sedeva Carlo Ancelotti.

All’interno di quello che è un vero e proprio laboratorio, non esistono solamente delle strutture mediche e riabilitative, esso infatti più che un laboratorio medico è un vero e proprio laboratorio ingegneristico di altissimo livello, che studia la motoria degli atleti e la loro psicologia di base. Il Milan Lab di fatto è il primo esempio di come un approccio interconnesso delle varie discipline, possa migliorare le prestazioni del singolo giocatore, e di conseguenza migliorare le prestazioni della squadra vista come un insieme di singoli elementi, che cercano ognuno con le proprie peculiarità di conseguire lo stesso obiettivo.

All’interno del Milan Lab molti sono i dati analizzati, ogni parametro fisico ed emotivo viene scomposto ed esaminato più volte, alla ricerca ogni possibile miglioramento, anche il più piccolo. L’approccio a questo nuovo modo di fare sport non esclude l’analisi della psiche e della motoria dei piccoli campioncini in erba che fanno parte del vivaio rossonero, con loro il rapporto se possibile è ancora più stretto, figlio della difficile situazione che si trovano a vivere, non solo per la lontananza da casa e dal loro ambiente familiare, ma anche per la loro giovane età.

Da un’ultima stima i dati in possesso del Milan Lab sono oltre due milioni, la loro analisi serve non solamente a migliorare le prestazioni sportive, ma anche ad indirizzare le attività di scouting future degli osservatori milanisti. Ultimamente il Milan Lab si è infatti orientato verso il settore giovanile, settore che viene attentamente studiato in maniera tale che nel prossimo futuro possa contribuire ancor di più alle fortune del Milan.

Nell’ultimo anno in tale contesto gli analisti del Milan Lab hanno analizzato le prestazioni di oltre 250 giovani calciatori, appartenenti alle 11 squadre del vivaio rossonero, ne hanno studiato la motoria migliorandone i risultati, li hanno aiutati nell’inserimento nei vari team, li hanno supportati nelle loro problematiche, tutto per far crescere quel vivaio di eccellenza a cui tante squadre ambiscono, ma che allo stato attuale solo poche squadre possiedono.

Name of author

Name: Cristina