Home » Le prove d’esame per la patente nautica.

Le prove d’esame per la patente nautica.

Squadrette

Le prove d’esame per la patente nautica.

La patente nautica è rilasciata dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, tramite gli uffici della motorizzazione civile, della capitaneria di porto o gli uffici circondariali marittimi, e permette di condurre diversi tipi di imbarcazioni. Le patenti sono divisi in 3 categorie, denominate A, B e C. La categoria A riguarda le imbarcazioni fino ai 24 metri di lunghezza, la seconda quelle più grandi e la categoria C è dedicata ai portatori di handicap che hanno bisogno di essere assistiti a bordo perchè non in grado di compiere determinate operazioni richieste per la navigazione. Le patenti della categoria A si suddividono a loro volta in:
– Patente per imbarcazioni a vela e motore entro le 12 miglia dalla costa
– Patente per sole imbarcazioni a motore entro le 12 miglia
– Patente vela e motore senza limiti, che quindi consentono di muoversi in mare aperto
– Patente per sole imbarcazioni a motore senza limiti dalla costa
La patente nautica è necessaria per condurre mezzi a motore con potenza superiore ai 30kw, moto d’acqua e mezzi dediti allo sci nautico, a qualsiasi distanza dalla costa si voglia andare.

L’esame per la patente nautica entro le 12 miglia è simile a quello per il conseguimento della patente di guida ed è suddiviso in prove teoriche e pratiche. Lo svolgimento delle prove per il conseguimento della patente nautica è regolato dal decreto del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti n. 366 del 4 ottobre 2013. La prima prova si articola in due fasi. Nella prima fase viene verificata la capacità di leggere una carta nautica, ricavare le coordinate geografiche di un punto e conoscere gli elementi di base della navigazione stimata. E’ anche necessario saper calcolare l’autonomia di carburante di un’imbarcazione. Il tempo a disposizione è di 15 minuti. La seconda prova teorica è invece un quiz a risposta multipla simile a quello per la patente di guida per automobili. Vengono sottoposte ai candidati 20 domande scelte casualmente, ognuna con 3 possibili risposte di cui una sola è quella esatta. E’ possibile commettere un massimo di 3 errori, superati i quali sarà necessario ripetere la prova. Per svolgere la prova vengono concessi 30 minuti. Per accedere al quiz è necessario avere superato il test di carteggio.

Squadrette

Gli argomenti della prova sono:
– Teoria della nave
– Motori endotermici
– Sicurezza della navigazione
– Segnalamento marittimo
– Meteorologia
– Navigazione
– Normativa diportistica
Conclusa la fase teorica si passa alla prova pratica, che consiste nella conduzione di un’imbarcazione in presenza di un esaminatore.

Il vantaggio di rimanere entro le 12 miglia dalla costa è quello di poter raggiungere la terraferma più facilmente in caso di avaria, incidenti o altri problemi. Anche la dotazione di sicurezza di bordo è più ridotta per chi rimane vicino alla costa, proprio perchè ha la possibilità di raggiungere rapidamente la terra. Per la navigazione in mare aperto è invece necessario disporre di una dotazione di sicurezza più completa. I dispositivi da tenere a bordo sono infatti diversi per chi viaggia a meno di 1 miglio dalla costa, entro 3 miglia, entro 6, 12 e 50 miglia. L’esame per il conseguimento della patente nautica entro le 12 miglia, sia per i natanti a motore che per quelli dotati sia di motore che di vela, è quindi diverso rispetto a quello per la patente senza limiti di distanza dalla costa. La patente nautica ha una durata di 10 anni, ridotti a 5 per chi ha oltre 60 anni d’età. Il rinnov
o può avvenire in uno degli uffici abilitati al rilascio delle patenti.

ascio delle patenti.</p>

Name of author

Name: Cristina