Home » Billions: che fatica essere miliardari

Billions: che fatica essere miliardari

Billions-season-2-posters

Chiunque abbia seguito la serie tv ″Billions″, fruibile in Italia grazie al servizio offerto da Sky Atlantic, sa che il vero protagonista di questa appassionante produzione statunitense è il rutilante mondo dell’alta finanza internazionale.

Il protagonista di questo telefilm è Bobby ″Axe″ Axelrod un affarista che, grazie alla sua tenacia, al suo talento ed al suo fiuto per gli affari, è riuscito a costruire un vero e proprio impero finanziario. Nonostante la sua sembri essere una vita pressoché perfetta, il nostro Bobby nasconde segreti e problemi che il comune cittadino non può nemmeno immaginare.

″Infanzia e adolescenza: le difficoltà di farsi strada nel mondo″

″Billions″ è una serie tv che tende a descrivere la psicologia dei suoi personaggi in modo molto sfumato e particolareggiato. Spesso, questo intento viene realizzato grazie al ricorso a ricordi e racconti: questo espediente narrativo ci esplica in tal senso le difficoltà incontrate da Axe per riuscire a conquistare il suo posto al sole.

Il miliardario, infatti, è nato in una famiglia umile, senza i mezzi necessari per garantirgli un’educazione di primo livello. Da giovane, l’uomo d’affari è stato costretto a rimboccarsi le maniche e a lavorare duramente per riuscire a perseguire i propri obiettivi.

Nel bene e nel male, vive in questo periodo le esperienze più formative della sua esistenza: nulla di ciò che gli è capitato verrà, però, dimenticato. Chi l’ha trattato con gentilezza quando il suo destino era ancora incerto, verrà ripagato con generosità. Chi, invece, gli ha dimostrato solo arroganza e cattiveria, dovrà assaggiare la sua stessa medicina per trovarla davvero molto amara.

″L’11 Settembre: il momento in cui tutte è cambiato″Billions-season-2-posters

Già dalla prima puntata della serie tv ″Billions″, è possibile intuire come l’attentato occorso al Word Trade Center sia uno dei momenti cardine nella storia del protagonista di questo telefilm. Al tempo, infatti, la Axe Capital aveva sede proprio all’interno delle Torri Gemelle. L’11 Settembre tutti i soci di Axelrod sono morti miseramente: Bobby è rimasto unico proprietario di quell’immenso impero finanziario.

Si parla spesso del senso di colpa dei sopravvissuti: solo il caso gli ha permesso di non fare la stessa fine dei suoi amici. Da allora Axe ha istituito una borsa di studio volta a finanziare gli studi universitari dei figli meritevoli dei suoi sfortunati colleghi. Ovviamente, molti non sono convinti che si sia trattato di una mera coincidenza. C’è chi sostiene che dietro alla fortuna di Axelrod il caso abbia svolto un ruolo piuttosto marginale.

″La paura della giustizia″

Durante le prime puntate della serie tv ″Billions″, Bobby Axelrod ammette come la sua più grande paura sia che la legge arrivi a controllare i suoi uffici, scoprendo tutte le irregolarità che un impero delle dimensioni della Axe Capital non può non aver commesso nel corso degli anni.

In realtà, però, il noto miliardario è più pronto a sfidare le autorità di quanto non voglia dare a vedere: istruisce i suoi dipendenti sul comportamento da adottare in corso di ispezione. Chiunque non si attenga alle disposizioni impartite viene cacciato senza ripensamenti, per manifesta incapacità. Alla ricerca dello scontro in campo aperto, Axe compra una villa a dir poco fastosa: sa benissimo che questo acquisto faraonico attirerà le attenzioni delle istituzioni. Sicuramente questo gesto sconsiderato avrà delle ripercussioni inimmaginabili.

Name of author

Name: Cristina